Time in Jazz

Time in Jazz

Tutto quello che avreste voluto sapere sul jazz e che non avete mai osato chiedere

DI EMILIA FUGASSA

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

 

Sono 34 anni di Time in Jazz e molti ancora stentano a comprenderne la nascosta verità. Uno può non capire il jazz, trovare superflua la necessità di affermare il proprio stile e la propria interpretazione. E può sembrare strano che un musicista voglia modificare anche radicalmente il tema che sta suonando accordandolo al momento e al luogo in cui lo suona.

Uno può non capire il jazz, la potenza del jazz, l’atmosfera del jazz, l’ironia del jazz. il virtuosismo del jazz. E quindi un festival jazz gli sembra una cosa molto legata a una tecnica musicale e basta.

Ma non è tutto vero: il jazz è una tecnica esistenziale, e il festival lo dimostra: la vera attrazione di Time in Jazz è il modo in cui musicisti e pubblico interpretano il luogo e il momento della musica.

 

 

Berchidda

 

 

Con compostezza, con grazia, in silenzio, godendosi una forma di convivenza e di rispetto reciproco, un modo di scoprire nuovi luoghi che, come ogni buona cornice, fa parte integrante del quadro. Luoghi che vengono suonati, applauditi, visti sotto una nuova luce, potremmo dire: sotto le stelle del jazz.

“Isteddhos”, per l’appunto “stelle” nella lingua logudorese che si parla a Berchidda, è il titolo dell’edizione 2021, in programma dal 7 al 16 agosto, un circuito di eventi musicali e artistici che ci porterà a scoprire Berchidda, paese natale di Paolo Fresu, ma anche Arzachena, Bortigiadas, Buddusò, Bulzi, Ittiri, Loiri Porto San Paolo, Luogosanto, Mores, Olbia, Oschiri, Porto Rotondo, San Teodoro, Telti e Tempio Pausania) facendo tappa con i suoi concerti del mattino e del pomeriggio in spazi e scenari sempre differenti, tra chiesette di campagna, scorci di mare, piazze, boschi, siti archeologici.

Scopri tutto il programma di Time in Jazz 2021 “Isteddhos”